BUON 2015 - CON UN 2014 DI CRONACA

LAVENO MOMBELLO - 01.01.2015 - CON "IL GIORNO" - E' stato un anno purtroppo molto ricco di cronaca, politica ed eventi nel Varesottoo. 365 giorni da ripercorrere per ricordare tutto quello che ha segnato il 2014. L'anno (il 2014) inizia con una tragica scoperta: il 12 gennaio, in un bosco della Valcuvia, viene trovato il corpo senza vita di un uomo. Dopo tutti gli accertamenti, si scopre che si tratta di Roberto Colombo, sparito di casa col suo cane il 24 settembre 2013. Dall'autopsia emerge che l'uomo è stato ucciso. Il 14 febbraio, viene ritrovato il piccone usato per seppellire il cadavere. Un paio di giorni dopo, il 17 febbario, viene fermato il vicino di casa. Secondo l’accusa l'uomo, Emiliano Cerutti, 36 anni, avrebbe ucciso Roberto Colombo a causa di una lite legata al possesso di sostanze stupefacenti.

Il 19 febbraio è il giorno della svolta: Emiliano Cerutti viene incastrato grazie al piccone utilizzato per seppellire il corpo senza vita della sua vittima. Inoltre alcuni vicini di casa hanno riferito di rancori tra i due vicini legati ad alcuni lavori di manutenzione nelle case della zona e al furto di un chilogrammo di marijuana. Il 36enne accusava infatti il conoscente di avergli rubato parte della droga che coltivava in un terreno vicino al luogo dove sono stati trovati i resti umani. Il 20 marzo si celebra il funerale della vittima e nel frattempo si continua a cercare l'arma del delitto. Il 3 febbraio, l'assalto ad un furgone blindato della polizia scuote Gallarate. Durante il blitz davanti al Tribunale, evade il detenuto Domenico Cutrì, muore suo fratello Antonino e restano feriti due agenti della polizia penitenziaria. I carabinieri dispongono posti di blocco in tutta la provincia di Novara, in particolare al confine tra Piemonte e Lombardia. In serata un altro dei fratelli di Domenico viene trasportato in ospedale a Magenta, perché ferito a un piede. Le ricerche si spostano in tutta Italia. Dopo numerosi interrogatori, il 6 febbario, quattro uomini del commando vengono fermati. Il giorno dopo, il 7 febbraio, viene fermato anche il complice di Domenico Cutrì, Aristotele Buhne. L'uomo avrebbe partecipato al piano che lo stesso aveva architettato per far evadere il fratello Mimmo. Subito dopo, viene rintracciato l'altro fratello dell'evaso, Daniele Cutrì: è nella casa di famiglia a Inveruno in via Leopardi. Il giovane viene condotto prima in caserma a Cuggiono poi al Comando Provinciale a Varese. E anche Carlotta Di Lauro, la donna di Antonino Cutrì, il fratello morto nel blitz davanti al Tribunale, viene fermata dai carabinieri. Dopo minuziose indagini e interrogatori, alle 3.35 di domenica 9 febbraio finisce la fuga dell'evaso Domenico Cutrì. L’ergastolano viene atturato dai carabinieri in via Villoresi 23, poco lontano dal centro di Inveruno e dalla casa dove vivono i genitori. Il 31enne dormiva sui cuscini di un divano nell’appartamento di una palazzina in ristrutturazione. Sulle scale per diverse ore è rimasto l'odore dei fumogeni utilizzati dai carabinieri durante l'irruzione. Le porte delle stanze sono state sfondate. L’inseguimento dunque è terminato in meno di una settimana. Il 3 marzo, i 'magnifici sette' sono dietro le sbarre. I due fratelli - Daniele e Mimmo - rinchiusi a Opera, Aristotele Buhne, dopo una prima permanenza nel penitenziario di Poggioreale a Napoli, in cella a Busto Arsizio, Carlotta Di Lauro a Monza dopo avere violato i domiciliari che le erano stati concessi in ragione del figlio di appena 5 anni e il resto del gruppo sparpagliato fra Milano e Varese. L'11 dicembre, Domenico Cutrì viene condannato a due anni per evasione, posto abusivo d'armi e lesioni. Paura a Varese il 28 febbario, quando un incendio divampa in una palazzina adibita a uffici nel complesso sportivo dell’Ippodromo. Il rogo provoca ingenti danni alla struttura. Immediato il dubbio che si tratti di un evento di origine dolosa. Il giorno dopo, uno stalliere di nazionalità straniera si presenta al pronto soccorso dell’ospedale di Circolo con ustioni a mani e avambracci. La circostanza insospettisce gli agenti che effettuano alcuni accertamenti, anche sulla base delle prime dichiarazioni dell’uomo, che si sarebbe autoaccusato dell’episodio. In tarda serata lo straniero viene denunciato. Avrebbe appiccato l'incendio in seguito ad un contenzioso sugli stipendi con la società che gestisce l'ippodromo. Dal fumo di un incendio, a una vera nube tossica: il 13 marzo, venti persone restano lievemente intossicate dalla fuoriuscita di una sostanza da una cisterna nel centro internodale di Busto Arsizio. La sostanza non è tossica, ma provoca irritazione agli occhi e fa scattare la paura tra gli bitanti della zona. Il 10 aprile, viene confermato l'ergastolo per Giuseppe Piccolomo, già inflittogli in primo e secondo grado per l’omicidio di Carla Molinari, tipografa in pensione, uccisa nella sua villetta a Cocquio Trevisago la sera del 5 novembre 2009. Alla donna vennero anche amputate le mani. A Somma Lombardo , il 13 aprile, un anziano viene trovato morto in casa dalla moglie. L’ipotesi è che sia rimasto vittima di un’aggressione da parte di malviventi entrati nella villetta per compiere un furto. E così, scatta la paura dei ladri in tutto il paese. Il 15 aprile, i primi dubbi: Antonino Faraci conosceva il bandito? Dopo indagini e interrogatori, il 19 aprile, viene arrestata la moglie, Aita Melina, perché il suo alibi viene smontato da telecamere. Il 7 maggio, emergono altri due indagati, ma il 17 maggio, si scopre che i due magrebini hanno lasciato l'Italia. Il 28 aprile , c'è una bella notizia: l'attore comico Bruno Arena torna a casa dopo oltre un anno di assenza, il coma, l’operazione, la riabilitazione, la lenta risalita e persino dopo un giro a San Siro. Il comico era stato colpito da un malore nel gennaio del 2013 mentre registrava una puntata di Zelig, uno dei programmi che ha consacrato il successo dei Fichi d’India. E circa un mese dopo, il 22 maggio, un altro lieto evento: il calciatore Riccardo Montolivo si sposa con Cristina De Pin. Romantica la cornice della giornata che si è svolta a Taino, su una delle sponde più suggestive Lago Maggiore. Al centro dell'attenzio, il 26 maggio, le elezioni comunali. Ambrogio Rossi è il primo cittadino di Curiglia con Monteviasco con l'84,61% dei voti. E' da qui che viene il primo risultato, seguito da Marzio, dove l'unica lista che si è presentata al voto "Uniti per Marzio" ha portato alla poltrona di sindaco Maurizio Frontali. Sorpresa a Lozza, il paese del governatore Roberto Maroni ha visto l'affermazione di Giuseppe Licata. La Lega Nord, secondo concorrente, si è fermata al 39,78%. Il 27 maggio, si sblocca la situazione dei bambini adottati da famiglie italiane, da mesi trattenuti in Congo. Tra di loro Sifa, tre anni, la piccola adottata da Mara e Matteo Galbiati di Sumirago. Si passa allo sport, l'8 giugno, quando arriva l'ufficialità: Gianmarco Pozzecco lascia l'Orlandina per accasarsi alla Cimberio Varese. La firma avviene il 14 giugno. Il 10 giugno, Alex Maggio viene condannato all'ergastolo. Lo scorso 3 agosto, il 33enne uccise a a calci e pugni la commerciante Maria Angela Granomelli, 60 ann. I giudici confermano la richiesta del pm: esclusa l'aggravante della crudeltà, riconosciuta la finalità della rapina. La difesa dell'imputato aveva chiesto il minimo della pena. Il 14 giugno, un gesto importante segna la vicenda delle 'Bestie di Satana': l’abbraccio e il perdono del padre della vittima ad Elisabetta Ballarin: i due si siedono a un tavolo, l’uomo stringe fra le sue le mani della ragazza, le parla a lungo, sommessamente, fitto fitto, gli occhi negli occhi. Elisabetta Ballarin e Silvio Pezzotta. Un padre e la giovane donna condannata a 23 anni per concorso nell’omicidio di sua figlia. Il 16 luglio, dopo 14 intensi mesi di trattativa, viene firmato l’accordo che chiude la vertenza Sea Handling e riabilita proprio il piano bocciato il 13 giugno, sia pur meglio definito. Solo un mese prima, il cielo sopra gli aeroporti di Linate e Malpensa s’era fatto nero: i dipendenti di Sea Handling (SeaH) avevano infatti respinto, al referendum, l’accordo sul contratto di lavoro col quale 1800 di loro, su 2214,sarebbero stati riassorbiti in Airport Handling, nuova società, sempre a guida Sea, creata per evitare di pagare la sanzione da 452 milioni di euro comminata dalla Commissione Europea. Pietro Modiano, presidente della Spa aeroportuale, allora era stato chiaro: "L’azienda non ha più interlocutori e potrà decidere in modo unilaterale su licenziamenti ed assunzioni". Gli esuberi erano ben più di uno spettro. Invece non ce ne saranno, a meno che non siano gli stessi dipendenti a decidere di andarsene. Ansia, paura e speranza a Varese e Bergamo per il rapimento di due giovani volontarie italiane, rapite in Siria, nella zona di Aleppo. E' il 6 agosto quando scatta l'allarme. Le due giovani sono Vanessa Marzullo di Brembate (Bergamo), 21 anni e Greta Ramelli di Besozzo (Varese), 20 anni, fondatrici del Progetto Horryaty, iniziativa di solidarietà per la Siria. I mesi scorrono e delle due ragazze nessuna notizia fino all'inizio di questo 2015, quando viene diffuso un loro appello di richiesta di aiuto. Il 5 settembre, l'attenzione di Sumirago è di nuovo rivolta al Venezuela, dopo la notizia - resa nota dallaprocuratrice generale del Venezuela, Luisa Ortega - del recupero del motore e di buona parte della fusoliera dell’aereo inabissatosi il 4 gennaio 2013, sul quale viaggiava Vittorio Missoni, con la compagna Maurizia Castiglioni e due amici bresciani, Guido Foresti ed Elda Scalvenzi. La speranza è che ora i periti possano effettuare tutti gli accertamenti necessari per capire che cosa quel 4 gennaio accadde all’Islander che doveva portare a Caracas Missoni e gli altri tre italiani. E così, finalmente,e cco le risposte definitive riguardo la vicenda. Con la ripresa dell'anno scolastico, c'è un istituto che chiude i battenti: è la scuola Bosina. Il 12 settembre, infatti, svanisce il sogno di Umberto Bossi. Troppi i debiti per garantire la continuità e così il cda ha preferito sospendere anche le classi già formate per questo anno scolastico: non partiranno nemmeno le classi quarta-quinta elementare e terza media, per le quali la scorsa settimana si era deciso che avrebbero lavorato alcune insegnanti a titolo volontario. I bambini sono già stati iscritti in altre scuole. Il 9 ottobre si torna a parlare di Finmeccanica: l'ex ad di Finmeccanica Giuseppe Orsi e l'ex ad di Agusta Westland Giuseppe Spagnolini vengono condannati a 2 anni (pena sospesa) dal tribunale di Busto Arsizio. I due vengono condannati per l'accusa di false fatturazioni e assolti da quella di corruzione internazionale. I giudici di Busto Arsizio hanno in sostanza bocciato l'impianto accusatorio del pm Eugenio Fusco, secondo cui Orsi e Spagnolini avrebbero pagato una maxi-tangente per favorire Augusta Westland nella gara bandita dal governo di New Delhi per l'acquisto di 12 elicotteri. Il loro verdetto è arrivato dopo circa 4 ore di camera di consiglio. Per questa vicenda, Orsi era stato arrestato nel febbraio 2013 ed era tornato in libertà dopo aver trascorso 80 giorni nel carcere di Busto Arsizio. Lo scorso 3 luglio ilpm Eugenio Fusco aveva chiesto la condanna a 6 anni di reclusione per Orsi e a 5 anni per Spagnolini. Le difese avevano chiesto invece l'assoluzione dei due imputati. Da un'aula di tribunale all'altra, il 20 ottobre, inizia il processo sul caso Uva. I familiari della vittima, morta in ospedale a Varese nel giugno 2008 dopo aver trascorso parte della notte nella caserma dei carabinieri che lo avevano fermato ubriaco per strada, si sono costituiti parte civile a carico di sei poliziotti e due carabinieri imputati per omicidio preterintenzionale e altri reati. Respinta invece la richiesta di costituirsi parte civile presentata dall'associazione 'A buon diritto' presieduta dal senatore del Pd Luigi Manconi. Il collegio giudicante della Corte d'Assise di Varese, presieduto da Vito Piglionica, ha rigettato anche alcune questioni preliminari presentate dalla difesa, in particolare sul provvedimento che ha disposto il giudizio immediato per un carabiniere. Il 21 ottobre, lutto nel mondo del cinema: a Besano muore Lilli Carati, icona sexy dalle commedie anni Settanta. Fu protagonista di numerose pellicole di genere commedia-sexy tra gli anni '70 ed '80, con grande successo di pubblico che fece diventare la Carati molto celebre trasformandola poi in un'icona. Seconda a miss italia nel 1974 con il titolo di miss Eleganza, da lì trovò il balzo verso il cinema venendo scritturata per la Vides Cinematografica da Franco Cristaldi, giurato al concorso di bellezza. Il maltempo che a novembre flagella la Lombardia, provoca anche tre morti. Il 16 novembre, a Cerro di Laveno, una frana si abbatte su una casa e perdono la vita nonno e nipote 16enne. Adriana De Pena Moya e Giorgio Levati vengono estratti dalle macerie dai vigili del fuoco e dalla prociv di Laveno Mombello: la ragazza viene ritrovata per prima sotto un macigno ed è trasportata dal personale del 118 al pronto soccorso dell'ospedale di Cittiglio, dove si spegne nella notte. Più difficili le operazioni per recuperare l'anziano, trovato senza vita sotto il fango. Entrambi sono stati schiacciati anche da uno dei muri della casa, distrutta dalla colata di fango scesa da una collina, e hanno riportato ferite mortali su tutto il corpo....

e-max.it: your social media marketing partner

Registrati per commentare