STAGIONE BALNEARE 2018 SITUAZIONE

VARESE - 11.05.208 - Stagione balneare 2018 Prosegue l’attività di sorveglianza di ATS Insubria sulle acque dei laghi con il compito di vigilare sull’aspetto igienico-sanitario legato alla balneazione, verificando che le acque non siano causa di rischio per la salute dei bagnanti. Il controllo delle acque di balneazione è di competenza del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria, ai sensi delle norme vigenti e nel rispetto delle disposizioni in materia. I controlli di natura microbiologica, fisico-chimica e di monitoraggio algale verificano la qualità dell’acqua da aprile a settembre di ogni anno, in corrispondenza delle aree maggiormente frequentate. In caso di esito non favorevole degli accertamenti, è richiesto al Sindaco del Comune interessato di emettere un’Ordinanza di divieto di balneazione per ragioni di carattere igienico-sanitario. I dati sulle caratteristiche delle acque rilevati da ATS vengono trasmessi al Ministero della Salute e vengono pubblicati sul sito nazionale "Portale Acque". La stagione balneare 2018, sulla base dei dati riscontrati nell’anno precedente, evidenzia che lo stato della qualità delle acque, del nostro territorio, risulta complessivamente soddisfacente. In particolare, il Lago Maggiore

IL COMITATO DI DIFESA DELL'OSPEDALE PRESENTA DENUNCIA ALLA PROCURA

CITTIGLIO –  10.05.2018- Caldo più che mai il clima in questi giorni presso il Presidio Ospedaliero di Cittiglio e questo non solo per i gruppi refrigeratori non funzionanti e che grazie ad un noleggio sono entrati in funzione solo a mezzogiorno di ieri. Sempre ieri mattina si apprende che il Comitato ha protocollato presso la Procura della Repubblica di Varese un esposto in cui si chiede la riapertura del reparto di ortopedia e traumatologia nel pieno rispetto del Decreto Ministeriale 70 del 2015, che tratta il tema di riordino della rete ospedaliera. L'esposto contiene i dati, che dimostrano la piena attività del reparto in oggetto fino alla sua chiusura, il rispetto dei volumi soglia ( fratture di femore operate) oltre che all'efficienza dello stesso ( tempo medio di attesa di intervento 2,2 giorni rispetto alla media regionale). Si fa riferimento naturalmente alla definizione di Ospedale di base, ovvero Ospedale dotato di Pronto Soccorso, Medicina, Chirurgia e Ortopedia. Ricordiamo che il Pronto Soccorso di Cittiglio ha una affluenza superiore ai 20000 pazienti. “Siamo sicuri - afferma lo stesso presidente del Comitato Salvatore Romano - che la Procura possa fare rispettare un Decreto del Ministero della Salute fino ad oggi calpestato.”

FRANCO LIUZZO RICONFERMATO ALLA GUIDA DELLA PRO LOCO DI LAVENO MOMBELLO

LAVENO MOMBELLO – 04.05.2018- Franco Liuzzo è stato riconfermato alla guida della Pro Loco di Laveno Mombello. Lo ha deciso l’assemblea dei soci che ha approvato sia la sua relazione delle iniziative svolte lo scorso anno che il bilancio finanziario. Come da statuto l’assemblea ha visto la convocazione dei soci in regola con l’iscrizione all’associazione per il corrente anno, ed ha visto per l’occasione anche il rinnovo del direttivo che resterà in carica sino al 2022. Alla presidenza è stato quindi eletto Franco Liuzzo, alla vice presidenza Alessio Meroni, segretaria Anna Maria Arioli, tesoriere Rosanna Carta, Claudio Perozzo alle pubbliche relazioni, Luigi Casagrande magazziniere, Gino Camarda alle relazioni con il comune e con le associazioni, Mario Pensotti alle innovazioni e Giancarlo Dragoni consiglieri. Nel programma di iniziative viene al momento confermato ogni 2a domenica del mese il Mercatino dell’Usato che da Febbraio terminerà a Novembre; ogni 3a domenica del mese “Colori e Sapori delle Regioni Italiane”. Sono inoltre previste alcune iniziative e animazioni a Cerro di Laveno, ed a luglio, tutti i sabato sera ballo e musica. In programmazione inoltre la “Festa dell’Artigianato”

SCIOGLIMENTO ANTICIPATO DELLE NEVI IN QUOTA

LAVENO MOMBELLO – 02.05.2018 - Il livello del lago Maggiore, come registra la centrale di osservazione e monitoraggio della Protezione Civile Lavenese, dopo aver toccato il metro e 30 centimetri, vale a dire 5 centimetri in più del livello limite di sperimentazione in deroga, sta ora molto lentamente abbassandosi. Il livello medio in deroga, è quello che il Verbano dovrebbe mantenere in questo periodo secondo un decreto ministeriale, che per alcuni, come per il Consorzio del Ticino al fine di mantenere una maggiore risorsa idrica, dovrebbe essere di uno e 50. Quello raggiunto è il livello più alto di questo 2018 dopo, la magra di inizio anno che il 12 di marzo aveva fatto registrare i meno 52 centimetri sotto lo zero idrometrico. Un livello di magra che ha preoccupato non poco, visto che i traghetti fra Laveno e Intra erano stati costretti a ridurre gli imbarchi dei mezzi pesanti alla soglia minima dei 200 quintali a pieno carico. Oggi a preoccupare per il livello raggiunto è il fatto che questi non lo si deve tanto alle piogge, visto che negli ultimi sette giorni si misurano mediamente solo 30 millimetri su tutto il bacino imbrifero

NUOVI DISAGI IN VISTA PER LA 394 DIR

LAVENO MOMBELLO – 30.04.2018 - Giovedì 3 maggio, viene annunciata una nuova chiusura del passaggio a livello di RFI, per permettere nuovi lavori, come la posa dei cavi degli impianti di sicurezza della rete ferroviaria e altri interventi nei pressi della galleria di 3 chilometri che collega Laveno a Castelveccana (dove ultimamente si sono registrate emissioni di fumo che inquinano l’aria della zona). La nuova chiusura avrà luogo dalle ore 9 alle 14 del 3 maggio. Quindi per chi deve raggiungere Laveno o uscire da Laveno, deve utilizzare la via XXV Aprile, da Cittiglio deviare all’altezza del cimitero verso il passaggio a livello ferroviario delle “Nord” e attraversare l’area produttiva del Pradaccio per raggiungere la via XXV Aprile. In senso contrario bisogna imboccare la Via XXV Aprile e raggiungere Cittiglio o Caravate. Tutto questo su una strada provinciale che dovrà poi supportare per mesi una mole di traffico con seri disagi viabilistici, visto che già deve supportare il traffico pesante dei circa 80 tir diretti e provenienti dalla Cartiera “Merati”, con relativa strozzatura e blocco del traffico all’altezza del sottopasso di RFI.

VOLANDIA MODEL & GAMES

MALPENSA - 28.04.2018 - E’ in arrivo la quinta edizione di Volandia Model & Games, che si terrà a Volandia il 5 e 6 maggio 2018. Una full immersion nel mondo del gioco e del modellismo aereo, ferroviario, militare, navale, automobilistico e meccanico. Due giorni in cui il museo darà ampio spazio al gioco e al modellismo, offrendo al pubbl ico oltre la tradizionale collezione di aerei, una vasta area espositiva di elicotteri, macchine radiocomandate, treni, navi e tanto altro ancora. Molte le particolarità di questo evento a partire dall’Aeromodellismo con un’area dedicata a droni professionali, elicotteri e aerei radiocomandati e non. Un campo prova esterno farà da cornice alle esibizioni dell’ospite d’onore Mirko Cesena che si esibirà sabato e domenica (alle ore 10, 11, 14, 16 e 18). Cesena ha sviluppato l'attività dei droni, in particolare gli "FPV Racer", affiancandola all'attività del volo 3D con elicotteri e ha conquistato il titolo di Campione Italiano F3U, la specialità delle corse con i droni pilotati in prima persona attraverso occhiali elettronici che riportano le immagini viste a bordo drone https://www.youtube.com/watch?v=1NWMl7w0wc0 . Quest’anno troveranno posto anche gli alianti con l’ASD Gruppo Aerotraino Pedemontano.

CONVEGNO SUL BULLISMO E CYBERBULLISMO

VARESE – 23.04.2018 -Si è svolto sabato presso la sala conferenze del Collegio "De Filippi" di Varese il convegno "Bullismo e cyberbullismo: nuove prospettive in ambito psicologico e giuridico". L'incontro è stata un'ottima occasione di studio e di approfondimento del fenomeno del bullismo e cyberbullismo e, più in generale, dei rischi legati all'utilizzo delle nuove tecnologie. Il convegno è stato organizzato dal Rotary Club di Laveno-Luino "Alto Verbano" e ha potuto contare sulla partecipazione di numerosi relatori d'eccellenza esperti nel settore universitario, giuridico e sociale. Il comitato scientifico e organizzativo dell'evento era composto da: Dott. Enrico Maranzana (Presidente del Rotary Club di Laveno-Luino "AltoVerbano"), Dott.ssa Cristina Mastronardi, Avv. Lidia Maria Muser, Dott.ssa Eugenia Trotti, Dott. Gabriele Apicella e Dott. Ottaviano 
Matiz. In particolare la Dott.ssa Mastronardi ha affrontato i risvolti 
psicologici ed il trauma e l'Avv. Lidia Maria Muser gli aspetti legali e 
le conseguenze penali degli atti di bullismo e di cyberbullismo.
L'incontro si inserisce nel progetto del Rotary Club di Laveno-Luino 
"Alto Verbano" di contrasto, prevenzione e sensibilizzazione circa i 
fenomeni di bullismo e di cyberbullismo,

"STORIE DI BOSCHI" IN BIBLIOTECA

LAVENO MOMBELLO – 23.04.2018 - Venerdì 27 aprile alle ore 21 a Laveno Pippo Ranci presenta l’ultima fatica bibliografica dello storico e ricercatore locale Giuseppe Musumeci, nella cornice settecentesca della Sala consiliare di Villa Frua. Verrà presentato il Quaderno n. 4 edito dal Gruppo di ricerca storica Laveno Mombello e Marwan. L’iniziativa è della Biblioteca comunale, si svolge in collaborazione con Sistema bibliotecario dei laghi e l’ANPI. Non si sa esattamente quando, secondo alcune ricerche , ma il Comune di Laveno da tempi ‘immemorabili si trovò a possedere quasi tre quarti della superficie comunale per lo più rivestita da boschi. Giuseppe Musumeci ripercorre le vicende di questo patrimonio boschivo dal ‘700 al ‘900. Gli introiti che provenivano dalla vendita, ogni nove anni circa, della legna dei boschi - unitamente a quelli che il Comune ricavava dal mercato dei grani dal 1744, anno della sua istituzione - hanno reso floridi i bilanci comunali per lungo tempo. Sono state proprio queste risorse che da metà ‘700 hanno permesso agli abitanti del paese di godere di servizi di cui erano prive le altre comunità coeve: la scuola pubblica, un medico e un chirurgo e, addirittura, l’esonero dal pagamento delle tasse.

SOSPESA LA "LAGO MAGGIORE EXPRESS"

LAVENO MOMBELLO - 25.04.2018- A seguito della frana che dallo scorso primo aprile ha interrotto oltre che la strada internazionale della Val Vigezzo anche la rete ferroviaria della “Vigezzina”, la Ferrovia Internazionale Locarno - Domodossola – Locarno, la direzione della Navigazione Lago Maggiore ha diffuso un comunicato nel quale si segnala che il “Tour Lago Maggiore Express” è sospeso sino a data da destinarsi. Ovvero sino a quando la rete ferroviaria non verrà ripristinata. Come noto, dopo la frana del 1. aprile – che ha provocato la morte di due cittadini ticinesi, residenti a Minusio – i collegamenti stradali e ferroviari sono tuttora interrotti a causa dell’instabilità della parete rocciosa, che ha registrato ancora ieri alcuni nuovi stacchi. Proprio nei giorni scorsi i rappresentanti dell’Ente nazionale italiano per le strade (ANAS) e le autorità svizzere e del VCO si sono incontrate insieme ai rappresentanti dei Comuni interessati per valutare lo stato di avanzamento dei lavori di ripristino e messa in sicurezza della strada internazionale della Valle Vigezzo e della relativa ferrovia.

IL PREMIO "UOMO CON LE ALI"

LAVENO MOMBELLO - 23.04.2018 - Il Premio 'Uomo con le Ali' in memoria di Oliviero Bellinzani accompagna la seconda edizione dell’ascesa da Laveno al Sasso del Ferro: 3.5 chilometri e 900 metri di dislivello per un evento di grande spettacolarità. LAVENO, 21 aprile – seconda edizione della gara di specialità Vertical Running nella provincia di Varese che corre verticale lungo il sentiero della Funivia Lago Maggiore tra panorami mozzafiato. Tappa quest’anno del Gran Prix delle Montagne Varesine. Il 2° Vibram Vertikal Sass de Fer ha incoronato due specialisti delle corse in salita: il talentuoso Manuel Da Col (Team Scott) che ha percorso i 3,5 km di gara con 900 m di dislivello in 33'09 e l’atleta bergamasca Rossi Maria Eugenia (Team Valetudo-serim) che ha raggiunto la cima in 47'23. Il numero degli iscritti ha superato di gran lunga le aspettative e i 220 atleti partiti da via Labiena, hanno salito il pendio verticale, facendo tappa alla terrazza panoramica di Poggio Sant'Elsa e proseguito per altri 800 m fino alla vetta del Sasso del Ferro (1.062 metri). Dopo un’autentica sfida alla forza di gravità, la cima che domina dall’alto la Valcuvia ha dato modo agli atleti di riprendere fiato e godere di un panorama a 360°