FORTI MALUMORI PER IL PRESIDIO OSPEDALIERO

CITTIGLIO - 09.04.2018 - E’ certamente il malumore il sentimento più diffuso a Cittiglio e ovviamente nei comuni limitrofi che gravitano tradizionalmente sul presidio ospedaliero di Cittiglio. Motivo? Promesse non mantenute e verità nascoste. Torna alla carica il combattivo Comitato a Difesa dell’Ospedale ed in comunicato si afferma: “I cittadini si sentono presi in giro. I primi a parlare sono gli utenti del day hospital oncologico. A dicembre 2017 è stato inaugurato il nuovo reparto con tanto di taglio del nastro: eppure, e siamo ad aprile 2018, non solo il nuovo reparto è chiuso, ma spesso in camere attigue si trovano pazienti che fanno la chemio o pazienti appena operati. Già perché attualmente day hospital oncologico e day hospital chirurgico si trovano nello stesso reparto e in condivisione di risorse infermieristiche.” Perché i pazienti si sentono presi in giro? “Perché poi alcuni giorni di alcune settimane vengono aperti i letti del day hospital chirurgico in un’altra ala del nosocomio – replica lo stesso presidente del Comitato Salvatore Romano - Ma come?... E poi è tutto un fiorire di sale d’attesa. Ma si è detto bene; sale di attesa ma non si sa per cosa. Spazi un tempo camere di degenza o ambulatori trasformati in sale di aspetto.” Ed in merito all’argomento camera iperbarica?

50 MILA TULIPANI FIORITI

VERBANIA - 08.04.2018 - Dalla "Stampa" di BEATRICE ARCHESSO - Una passeggiata tra 50 mila tulipani fioriti di 65 varietà diverse provenienti da tutto il mondo. È questo lo spettacolo della natura che si può trovare da domani - domenica 8 - al 29 aprile ai giardini di Villa Taranto a Verbania. Continuando una tradizione iniziata nel 1956 dal fondatore del parco (il capitano scozzese Mc Eacharn) torna la «Festa del tulipano» che per tre settimane sarà il fiore all’occhiello del giardino botanico affacciato sul Lago Maggiore. E in tutto questo scenario fiorito ci sarà un elemento in più: il «labirinto dei tulipani», un sentiero di circa 400 metri che permette di passeggiare e contemplare bulbi appartenenti a 65 varietà differenti. Le varietà presenti si sbizzarriscono sia per i colori (e anche per i nomi). E così si può trovare «La regina della notte», ovvero il tulipano nero, il «Micky Mouse» (giallo con screziature rosse) e il «Giant orange sunset» (il più grande nella forma aperta tra quelli presenti a Villa Taranto). Tulipani ma non solo, perché nei giardini di Villa Taranto si possono ora vedere fiorite anche camelie, magnolie, rododendri, narcisi, viole e un «tappeto blu» con migliaia di muscari. Il parco di Villa Taranto è aperto tutti i giorni (inclusi i festivi) dalle 8,30 alle 18,30. Biglietto intero a 10 euro.

BATTAGLIA LEGALE PER LA FRANA DI VIA GATTIROLO

LAVENO MOMBELLO 05-04-2018 (dalla Prealpina) la Frana Killer in tribunale - Si apre una battaglia legale in merito alle responsabilità e l'amministrazione comunale lavenese “coinvolge” Provincia, Regione e Stato - Parliano della frana che nel 2014 causò la morte di due persone in via Gattirolo, a Cerro. La tragedia risale alla notte del 15 novembre del 2014. A causa di un’alluvione, franò parte di una collina a Cerro, in via Gattirolo, e alcune tonnellate di terreno si riversarono sulla strada comunale e contro un’abitazione privata, provocando la morte di due persone, un 73enne e la nipote acquisita, di 16 anni, che stavano dormendo nella casa. Fu aperta un’inchiesta da parte della Procura della Repubblica. A esito di accertamenti e perizie, non vennero ravvisate responsabilità di natura penale: chiesta insomma l’archiviazione. Altra questione sono o potrebbero essere le responsabilità di carattere civile. E infatti: i familiari delle vittime hanno deciso di promuovere una causa (di responsabilità) nei confronti del proprietario della collina dalla quale precipitò la frana e del Comune di Laveno Mombello. Prima udienza, il mese scorso, dinanzi al giudice del Tribunale e subito un “colpo di scena”: il Comune di Laveno, costituitosi attraverso uno studio legale di Milano,

ANCORA DISAGI SULLA FERROVIA BELLINZONA - LUINO

LUINO - 03.04.2018 - Ancora disagi in vista per la rete ferroviaria Bellinzona - Luino. Come annunciano le FFS, dalle ore 09.00 del 6 aprile alle ore 17.00 del 9 aprile 2018 tutti i collegamenti TILO S30 tra Cadenazzo e Luino sono soppressi e sostituiti con un servizio bus. Il provvedimento è da ricondurre ai lavori per l’ammodernamento dell’infrastruttura ferroviaria del Gambarogno. o la chiusura totale della linea fino a dicembre 2017 per la realizzazione delle opere più importanti, con il cambio orario del 10 dicembre 2017 le FFS e RFI hanno riaperto parzialmente la linea al traffico ferroviario, con interruzioni diurne della tratta dal lunedì al sabato. Per alcuni interventi sono ancora pianificati alcuni sbarramenti completi della linea nei fine settimana. Il prossimo sbarramento è quello del fine settimana dal 6 al 9 aprile 2018. Gli sbarramenti successivi e i relativi collegamenti sostituitivi saranno comunicati con adeguato anticipo.
Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi. TILO e le FFS consigliano alla clientela di consultare l’orario online www.ffs.ch o www.tilo.ch, aggiornato con gli orari dei bus sostitutivi, in quanto questi viaggiano con degli orari diversi da quelli dei treni. Gli orari dei bus sostitutivi sono stati adattati per permettere, ove necessario,

A 275 CHILOMETRI ALL'ORA NELLA GALLERIA

BELLINZONA - 03.04.2018 - Il nuovo treno ad alta velocità di Stadler, denominato Giruno, nel fine settimana pasquale ha raggiunto per la prima volta una velocità di 275 km/h. Le corse di prova si sono svolte con successo. Nella galleria di base del San Gottardo i treni viaggiatori possono circolare ad una velocità di 250 km/h. Per verificare se il nuovo treno ad alta velocità Giruno sia in grado di circolare a 250 km/h in galleria, le FFS hanno effettuato delle prove. Simili corse di prova vengono svolte ad una velocità aumentata del 10 %, che, per i viaggi attraverso la galleria di base del San Gottardo, corrisponde ad una velocità di 275 km/h. Le corse di prova si sono svolte con successo, durante il fine settimana pasquale. Nell’ottica di un aumento della domanda previsto sull’asse del San Gottardo, le FFS hanno ordinato 29 elettrotreni alla ditta Stadler. Le nuove composizioni sono lunghe 404 metri e disporranno di 810 posti a sedere.
Dalla fine del 2019 i primi treni dovrebbero entrare in servizio tra Basilea/Zurigo e Milano.

LETTERA DI UN CITTADINO ARRABBIATO !

CITTIGLIO – 31.03.2018 - Dopo le proteste dello stesso Comitato per la difesa dell’Ospedale di Cittiglio, indirizzate al Direttore Generale dell’Ats Callisto Bravi in merito alla mancata completa riapertura del reparto di Ortopedia del presidio ospedaliero del medio Verbano, arriva la protesta degli utenti e in particolare.. in una lettera indirizzata alla “Prealpina” di Varese si scrive: “Lettera di un cittadino arrabbiato: Da mesi ormai l’ortopedia dell’ospedale di Cittiglio è ritornata (sulla carta) operativa ma ahimè non è così. Viene chiamato il soccorso per una caduta accidentale di una sig. anziana di 94 anni a Leggiuno che sbatte violentemente il capo sul pavimento. In 15 minuti circa arriva l’ambulanza dal vicino ospedale di Cittiglio, gli operatori preparati e gentili immobilizzano la signora e le prestano le prime cure. Quando io gli dico che li avrei raggiunti a Cittiglio in pronto soccorso loro mi rispondono che sicuramente andranno o a Varese o ad Angera! Io gli dico scusate ma l’ortopedia a Cittiglio funziona questi mi rispondono che il soccorso è gestito dalla centrale operativa di Como e decidono loro! Ma allora c’è la volontà di affossare Cittiglio rispondo io e loro non rispondendo mi fanno capire che veramente nei piani alti si rema contro!!!

A CITTIGLIO IL PROVVEDITORE PER "L'AMICO DI PENNA"

CITTIGLIO - 26.03.2017 - Cittiglio speaks English. Importante, ed interessante riunione quella che si è svolta presso la sala consiliare del municipio di Cittiglio, dove gli stessi intervenuti hanno cosi potuto rendersi conto della positiva iniziativa che ha visto la presentazione de “L’amico di penna 7.0”, progetto di conversazione in lingua inglese, rivolto agli studenti iscritti alle scuole del comune, progetto seguito dall’assessore alla pubblica istruzione del comune cittigliese Gerardo Chirichiello. “L’Amministrazione comunale – ha spiegato lo stesso sindaco Fabrizio Anzani - ha creduto nella realizzazione di questa iniziativa, perché la conoscenza della lingua inglese, soprattutto parlata, è fondamentale per affrontare il mondo di domani. Il progetto è stato pertanto studiato per costituire una sinergia con quanto già i nostri ragazzi imparano a scuola. Un’ora e mezza di lezione alla settimana, ad un costo molto contenuto, da marzo a maggio e già sono pervenute nuove richieste per un ipotetico corso bis”. Oltre al centro di aggregazione giovanile, che attualmente conta di 80 ragazzi, oltre al parco alla ciclabile per il fitness e il calisthenics, l’amministrazione comunale continua ad investire sui ragazzi per la didattica. In questo senso un parere pienamente positivo è giunto dallo stesso Provveditore

NUOVA AVVENTURA PER LE VELE D'EPOCA DEL VERBANO

LAVENO MOMBELLO - 25.03.2018 - Una nuova avventura inizia oggi, domenica 25 marzo per l'A.V.E.V. ( Associazione Vele d'Epoca Verbano - di Laveno Mombello  ). Infatti al gran completo ripartirà questa mattina per la sua quarta spedizione internazionale, dopo il Festival di Brest nel 2016, la Semaine du Golfe du Morbihan ed il Festival di Starigrad ( Cro ) nel 2017, quest'anno saremo ospiti d'onore al più grande Festival di tradizioni marittime del Mediterraneo " Escale a Sète 2018", dal 27 marzo al 2 Aprile. Una spedizione composta da oltre 70 persone in rappresentanza della marineria nazionale, della quale faranno parte la Goletta di 23 metri " Oloferne" costruita a Messina nel 1944, L'A.V.E.V. con al seguito 5 imbarcazioni ( i gozzi Nonnastro, San Pietro, I due Fratelli, la Lancetta Lola, il catboat Trudy ) e il Museo della marineria di Cesenatico. Sarà questa la presenza Italiana alla quinta edizione di " Escale a Sète " il biennale raduno della marineria tradizionale più affollato di tutto il Mediterraneo, oltre 250.000 i visitatori previsti e più di 120 i velieri e le barche tradizionali presenti .

PASSERELLA SUL LAGO AD ASCONA

ASCONA - 25.03.2018 - Da Ticinonews - Lunga circa 3 chilometri, dovrebbe collegare Ascona alle Isole di Brissago Una passerella a pelo d’acqua, galleggiante e stabile sul lago, larga tra i 12 e 16 metri, lunga circa 3 chilometri, che parte da Ascona e collega le Isole di Brissago. L’idea - che come riporta l'edizione odierna del Caffè dovrebbe avere un costo di almeno 25 milioni, vuole replicare nel golfo di Ascona la "The floating Piers", l’istallazione artistica dell’artista bulgaro Christo che due anni fa attirò centinaia di migliaia di turisti sul lago d’Iseo - sta per diventare realtà. Forse dalla prossima primavera. Stesso concetto, quasi stessi progettisti, stesso impatto turistico (la passerella sul lago d’Iseo in due settimane fu visitata da 1,2 milioni di turisti), ma non così effimera. Non durerà solo un paio di settimane. Quella fra Ascona e le Isole di Brissago galleggerà fra i tre e i cinque anni. Ininterrottamente, per tutte e quattro le stagioni. Potrete incamminarvi - pagando un biglietto, una decina di franchi - su un percorso di circa tre chilometri fino all’isola di San Pancrazio. Potrete visitare il parco botanico realizzato nell’800 dalla baronessa Antoinette di Saint Léger e ora proprietà del Cantone e dei Comuni limitrofi.

MOSTRA AL MUSEO DI CERRO DI LAVENO

LAVENO MOMBELLO – 24.03.2018 - Si inaugura oggi, sabato 24 marzo alle ore 15,30 presso il Museo della Ceramica di Cerro a Laveno la mostra personale di Ruggero Marrani dal titolo “Lascia una traccia del tuo passaggio” a cura di Clara Castaldo. Esposte sono una ricca antologia di opere in ceramica realizzate dall'artista di Barasso, che si collocano all’interno di una ricerca contrassegnata da “aeroscultura”, totem e scultura interattiva. Come spiega la curatrice della mostra: "Il pubblico, ancora una volta, sarà il vero protagonista di questa manifestazione che chiama in causa il riguardante; è una chiamata all'interazione e alla partecipazione diretta in chiave artistica. Ogni visitatore è interpellato a lasciare un segno del proprio passaggio, una traccia e una firma della propria presenza. È questa la cifra stilistica e di significato più importante e decisiva di tutta l'opera di Marrani". "Siamo contenti e convinti che l'opera di Ruggero Marrani ben si coniughi con la ricchissima tradizione di manufatti esposti al MIDeC